SANA ALIMENTAZIONE: Cosa sono i cibi spazzatura…

Merendine, biscotti, grissini, salatini e simili: autentici “pacchi” rifilateci dalla “moderna” industria alimentare.Iniziamo subito col dire che “cibo spazzatura” è un termine scientifico (dall’inglese Junk-food), adoperato da tutti i maggiori nutrizionisti internazionali e non è quindi un termine da “alternativi”, da “vegetariani”, da “salutisti” o altri appellativi che, chissà perché, sono pronunciati quasi come diffamanti.

Assumere costantemente ” cibi spazzatura” è una cattiva abitudine alimentare e può portare a gravi forme di obesità.

È definito cibo spazzatura qualsiasi alimento o bevanda che apporti grandi quantità di calorie in assenza di nutrienti di rilievo.

Ecco un elenco dei maggiori tipi di ” cibi spazzatura”:


Aranciate, cole, gassose e simili:

apportano tante calorie sotto forma di zucchero tanto che ci sono persone obese solo perché che ne bevono grandi quantità. Sono inoltre gasate più o meno fortemente, favorendo l’insorgenza di una malattia seria come la gastrite. Praticamente sempre contengono conservanti che vanno ad intaccare la nostra flora batterica intestinale (fanno il contrario dello yogurt). Fino a pochi anni fa contenevano coloranti cancerogeni, mentre adesso la cosa è quantomeno migliorata, anche se alcuni tipi sono sulla lista dei sospetti da parte di molti scienziati. Aggiungete che chi beve non pensa di mangiare ed il quadro è completo (beh, quasi completo, perché c’è pure dell’altro).

Merendine, biscotti, grissini, salatini e simili: autentici “pacchi” rifilateci dalla “moderna” industria alimentare. Sono quasi sempre alimenti pessimi. Tanto per incominciare possiamo dire che il termine “merendina” ci porta alla mente qualcosa di dolce, che associamo allo zucchero. FALSO. La cosa di gran lunga peggiore delle merendine e simili non è lo zucchero, ma i pessimi grassi che vi sono presenti, non solo saturi, ma spesso anche idrogenati, che alcuni dei maggiori esperti internazionali reputano “farmaci di membrana”. Abbiamo quasi paura a mangiare i grassi del pesce, della frutta secca e dell’olio extravergine d’oliva che sono grassi miracolosi, della salute, che ci fanno vivere meglio e più a lungo, mentre mangiano SPESSO SENZA NEANCHE SAPERLO, grandi quantità di margarine “nascoste” nelle merendine. GUARDIAMO LE ETICHETTE. I prodotti con la scritta “grassi idrogenati” vanno lasciati sugli scaffali. Ma più in generale nulla di quello che è dolce o salato PRECONFEZIONATO va mangiato. Le torte facciamocele in casa. Quelle che ci piacciono di più. È un affare di salute.

Fast-food: sarebbe più opportuni chiamarlo “killer-food”. Paninacci infami, spesso pieni di zucchero (si, proprio zucchero nell’impasto del pane per aumentare la sensazione di piacevolezza nei giovani), con carne rossa zeppa di grassi e pure della peggiore qualità, con magari una foglia d’insalata verde giusto per acquietare la coscienza, patatine fritte che hanno qualcosa di “extasyante” e il tutto condito da mezzo litro di una qualche cola di turno. Roba da extraterrestri. Ma non sono solo gli americani che mangiano some vitelli all’ingrasso. I nostri bar pullulano di tramezzini variamente farciti che nulla hanno da invidiare ai loro cugini d’oltreatlantico. Anche brioche e cappuccino, pur non essendo un hamburger, è meglio assumerli non più di un paio di volte la settimana. Al bar, l’unica cosa veramente buona da ordinare è una spremuta fresca d’arancia.
È spazzatura tutto quello che generalmente si trova nelle distributrici automatiche di merendine e bibite e caffetteria. PORTIAMOCI VIA UNA MELA, UNA BANANA O UNO YOGURT.

Fonte: www.dietadellasalute.com

Lascia un Commento